Passo Giacoletti

L’8 agosto 2005 alla presenza di varie associazioni tra cui Le Alpi del Sole, il Club Alpino Italiano, il Soccorso Alpino, il Corpo Forestale dello Stato, la Comunità Montana e la Provincia, nonché di una numerosa schiera di amici e parenti, si è svolta la cerimonia ufficiale d’inaugurazione del Passo Vitale Giacoletti a quota 2990 metri con la posa di una targa in bronzo. 
Da tempo utilizzato per raggiungere la Punta Gastaldi, dalla cresta Nord e dalla via Normale, e come collegamento con il Passo di Vallanta, rimane innominato fino a quando la sezione del CAI di Barge decide di titolarlo a Vitale Giacoletti, alpinista e fondatore della sezione, nel 50° anniversario della sua scomparsa sul Cervino.
Nel luglio 2005 vengono ultimati i lavori di ripristino, segnalazione e attrezzatura dei sentieri di accesso al Passo Vitale Giacoletti (da Pian del Re e dal Passo di Vallanta) ad opera dei volontari della sezione del CAI di Barge e dei gestori del Rifugio Giacoletti. 
Situato sulla frastagliata cresta spartiacque tra la Punta Roma e la Punta Gastaldi, poco più a sud del Passo del Colonnello, il Passo Vitale Giacoletti mette in comunicazione la Val Po, la Valle del Guil e la Val Varaita, offrendo nuove e interessanti possibilità di scoprire il MonViso e insolite varianti al Giro di Viso.

Itinerari Inediti

Accesso
Pian del Re si raggiunge da Torino e dalla tangenziale sud, percorrendo un tratto della statale 20 che aggira La Loggia: al termine della circonvallazione di Carignano si svolta in direzione di Moretta e Saluzzo (quest’ultima si raggiunge anche dall’uscita di Marene della A6, oppure da Cuneo percorrendo la statale 589). 
Da Saluzzo si risale la Valle Po, toccando Paesana (località che da Torino si raggiunge anche con l’autostrada per Pinerolo, proseguendo per Bricherasio, Bibiana, Bagnolo, Barge, e scavalcando la Colletta). 
Da Paesana si raggiunge presto il bivio per Oncino e poi quello per Ostana e quindi Crissolo e in breve si sale a Pian del Re (2020 m). 
Per raggiungere la Val Varaita, da Saluzzo si prosegue sulla ss 589 fin poco oltre Verzuolo, dove si svolta a destra: la strada provinciale risale la valle fino a Casteldelfino. Da qui si prosegue verso Pontechianale fino a Castello (1600 m), dove parte il sentiero per il Rifugio Vallanta.

Lascia un commento