Tempi Moderni

La via supera le belle placche inclinate della parete Nord sfruttando i settori di roccia compatta compresi fra le varie fessure percorse dai vecchi itinerari. Una via significativa che unisce carattere e stile, quelli inconfondibili del suo autore. Assolutamente da non perdere !!

Autori: Fiorenzo Michelin con Beppe e Wanda Canepa il 10 agosto 1995

Difficoltà: TD- 5c+ max, 5c obbl.

Sviluppo: 300 m.

Tempo di salita: 3-4 ore

Attrezzatura: Fix 10 mm, piastrine e soste omologate (estate 2009).

Discesa: dalla sosta 6 è possibile scendere in doppia lungo l’itinerario di salita.

Dalla vetta seguire gli ometti fino al Colle del Coulour del Porco e il percorso della Ferrata fino al rifugio.

Descrizione: dal rifugio Giacoletti seguire il sentiero per il Coulour del Porco fino alla base della parete Nord-Est; l’attacco della via è ben visibile dal sentiero, 10 minuti.

Nome scritto alla base della via.

L1 30m. Superare la fessura leggermente strapiombante ma ben appigliata (passo chiave atletico, 6m) e salire la rampa inclinata. 5c+, 4c oppure 5c, A0

L2 30m. Spostarsi a destra per superare un tratto verticale poi seguire lo sperone di roccia compatta e un’ultima placca delicata. 5c, 5b

L3 25m. Risalire la placca inclinata verso una fessura-camino, alzarsi qualche metro nella spaccatura poi spostarsi sulla grande placca con piccoli ma buoni appigli. Superare un corto bombé seguito da una placca delicata. 4c, 5c

L4 25m. Bella placca chiara quarzitica. 4b, 5b

Lunghezza corta ma è meglio non saltare la sosta.

L5 30m. Continuare in placca. 5a

L6 40m. Salire in placca poi superare un piccolo strapiombo verso destra e il pilastrino fino ad una terrazza. Superare il muro ripido e compatto e continuare fino alla sosta. 4c, 5c

L7 30m. Facile placca per arrivare nell’intaglio alla base di un marcato pilastro (sosta 7 via Diedro Raffi). Continuare sul pilastro inizialmente verticale e poi più inclinato. 3b, 5c, 4c

L8 55m. Seguire la cresta fino al suo termine. 3b, 3a

Scesi all’intaglio si incrocia la via normale e in pochi minuti si raggiunge la vetta.

In caso di maltempo, raggiunta la sosta 7 del Diedro Raffi è possibile raggiungere direttamente il Colle del Coulour del Porco percorrendo tutta la cengia che attraversa la parete (placchette in posto); una breve calata di 15 metri (sosta con anelli) permette di raggiungere la conca detritica e risalire sulla cresta a pochi minuti dal colle.

1 thought on “Tempi Moderni

  1. Pingback: C.A.Z. sez. alpinismo & arrampicata – Proposte semiserie per inverno/primavera/estate 2013/2014 | antisocial.pro

Lascia un commento